Quando vendere un’azione

Ci possono essere una serie di buone ragioni per vendere azioni e molti investitori a lungo termine hanno spesso ragioni per vendere alcune delle loro partecipazioni. Molti investitori hanno difficoltà a vendere azioni e, a volte, il motivo risiede nell’innata tendenza umana ad essere avidi. C’è un vecchio detto secondo cui nessuno va contemporaneamente in bancarotta e realizza un profitto, ma vendere solo perché le azioni sono aumentate non è una buona pratica di investimento.

Quando il prezzo di un’azione raggiunge un livello che nemmeno le migliori stime della performance aziendale futura possono giustificare, potrebbe essere il momento di vendere le tue azioni. Se la società che possiedi attualmente non è più la società in cui hai investito per la prima volta e non credi più nella sua nuova direzione, anche in questo caso è tempo di vendere le tue azioni. Se scopri che il titolo che possiedi non è più in linea con la strategia scelta, probabilmente è il momento di venderlo.

Se trovi un’azione che è effettivamente migliore di quella che stai per vendere e non hai abbastanza soldi per investire quanto vorresti, vendere l’azione per liberare capitale è un’opzione praticabile. Se trovi un titolo che si adatta meglio alla tua strategia e supera investimenti simili nel tuo portafoglio, non c’è vergogna nel venderne uno per acquistarne un altro. Se possiedi un’azione ma hai trovato un altro investimento, magari un’altra azione o qualcos’altro che ritieni più interessante, potrebbe avere senso vendere ciò che possiedi per avere una migliore opportunità. Se non hai il 10% del tuo portafoglio in contanti, potresti decidere di vendere alcune delle azioni di un altro fondo azionario o ETF (exchange-traded fund) di tua proprietà per liberare del capitale.

La vendita può aiutare il tuo portafoglio complessivo a mantenere una distribuzione equa ed evitare una sovraesposizione alle azioni. Potresti non essere a tuo agio nel investire così tanti soldi in azioni.

La vendita di azioni in forte calo che non si riprenderanno mai può farti salvare almeno parte del tuo investimento iniziale. Uno degli errori più comuni che gli investitori fanno è rifiutarsi di vendere azioni in perdita nella speranza che i prezzi si riprendano e salveranno il loro investimento dalla perdita. Il panico sulle azioni a causa del calo del prezzo a breve termine non è una strategia per il successo a lungo termine sui mercati.

Se un’azienda non soddisfa le previsioni sugli utili a breve termine e il prezzo delle azioni scende, non reagire in modo eccessivo vendendo immediatamente (supponendo che la forza dell’azienda non cambi). Se i guadagni della società sono buoni e superano le aspettative, allora dovresti continuare a possederne le azioni.

Se il motivo originale per l’acquisto delle azioni non è più valido, o se semplicemente ti sbagli sulla società, vendere in perdita potrebbe essere la tua migliore opzione invece di continuare a detenere le azioni.
Gli investitori dovrebbero prendere seriamente in considerazione la vendita di azioni se la motivazione dell’acquisto si è rivelata sbagliata. Dovresti sempre separarti dal prezzo e basarti sulla situazione del bilancio aziendale. La vendita anticipata di buone azioni può far perdere a un investitore la creazione di ricchezza anche dopo aver scelto le azioni giuste.

Un titolo con un prezzo interessante può sempre diventare ancora più appetibile, e questo è un motivo per comprare piuttosto che vendere. Se hai investito in una grande azienda che deve ancora raggiungere il suo vero valore, vendere quella società solo a causa di un calo temporaneo del prezzo è una decisione miope e un modo sicuro per assicurarti di non guadagnare mai.

Se il motivo per cui vuoi vendere una grande azienda è principalmente dovuto a un’emozione come la paura, devi fare un passo indietro e determinare logicamente se vendere azioni è davvero la strada migliore. Quando si tratta di azioni o contanti, la decisione di possedere o vendere deve basarsi sul desiderio di diventare o meno un azionista della società. Dovresti considerare diversi fattori, inclusi i tuoi obiettivi finanziari e il modo in cui la vendita di azioni influirà sulle tue possibilità di raggiungerli, se la quota ha senso nella tua strategia di investimento e nelle attuali condizioni economiche e di mercato e se la vendita di azioni ti porterà un grande ritorno.

Ottenere un ritorno sull’investimento può giustificare ulteriormente la vendita di azioni per pagare un acquisto importante, spese pensionistiche o come parte della strategia di allocazione del portafoglio.

Quando si tratta di investire, a volte è più facile decidere quando acquistare un’azione piuttosto che sapere quando venderla. Nel mercato azionario, le decisioni di acquistare o vendere azioni al momento sbagliato ti costano denaro e le decisioni di acquistare o vendere azioni al momento giusto portano a profitti.

Articoli simili